La grande predatrice della Janca.

Scultura in serpentinite della Valle Elvo (Bi). Peso Kg 12,300 misure: h. cm .43x.24x 16.

La Janca: è il torrente che nasce dal Mombarone, attraversa il territorio di Bagneri e confluisce nell’Elvo poco più a Sud.

La confluenza della Janca con l’Elvo.

La più grande predatrice del nostro torrente è la trota Fario: essa non si nutre solo di insetti, rane e piccoli roditori, ma è pure cannibale.

Nel mio immaginario l’avevo sempre vista come ambito bottino dei pescatori amatoriali ma, studiandone l’anatomia per scolpirla, mi sono resa conto che assomiglia di più al mostro di Pinocchio; Un luccio o una murena non so se fanno spavento quanto lei, vista da vicino.

Di seguito le fasi di lavorazione.

origine: Kg 37 di serpentinite, durissima.

9 risposte a “La grande predatrice della Janca.”

  1. Questa bella pietra aspettava te per dare un movimento alla sua vita statica, la tua bacchetta magica le ha permesso di realizzare la sua metamorfosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.