REGINAE MONTIS OROPAE

La scultura in pietra di torrente© con alle spalle la città di Biella

Il trenta Agosto di quest’anno avrebbe dovuto celebrarsi la quinta incoronazione della Madonna di Oropa, in occasione dei cent’anni dell’ultima, avvenuta nel 1920.. era già pronta la corona ideata da Luca Cavalca: un ricamo dorato di parole che riecheggiano nei secoli, le preghiere alla Madre, era già pronto il Manto ricamato delle suore Benedettine dal lago d’ Orta. Ma a causa della prima pandemia di cui i miei contemporanei ed io possiamo dare testimonianza, è stato tutto rimandato al prossimo anno.

…L’INIZIO…

Ho pensato di celebrarla ugualmente, creandone una copia in pietra di torrente da affiancare alla Madonna del Piumin, nella mia sala esposizioni.

Ho scelto questa particolare pietra non ascoltando, come spesso mi capita nella vita, il buon senso: è percorsa da fratture da cima a fondo ed è durissima.

Eppure la pietra più è difficile da lavorare più mi permette la Meditazione.

la scultura accanto al leggendario ” Fiore della Passione”, si può ammirarlo al Borgo di Bagneri. dove cresce spontaneo.

Questa pietra in particolare possiede una grana estremamente fine, mi ha quindi permesso di renderla morbida al tatto con particolari elaborati. Le linee di frattura attraverso la levigatura hanno rivelato una traccia arancio-dorata che la percorre da capo a piedi, ricordandomi la corona del Cavalca. Il colore scuro della pelle l’ho ottenuto con una lucidatura a specchio, mentre l’effetto dorato nei capelli, nella corona,nel pomo e nella croce con la lucidatura ad ottone.

la Regina dei monti d’Oropa e la Regina dei boschi di Bagneri, tra i fiori del Borgo Alpino.

Per vederle dal vivo venite nella mia Sala Espositiva al Borgo, ne vale la pena, anche per una visita all’Ecomuseo della Montagna, aperto tutte le domeniche, dove troverete ad accompagnarvi la guida Alessandra dalla Negra.

2 risposte a “REGINAE MONTIS OROPAE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.